Dopo la scuffia, si riparte al 100% a caccia del record

Dopo la scuffia, si riparte al 100% a caccia del record

Una scuffia alle 4.20 UTC, una mattinata a caccia del vento e impegnati a schivare macchie di sargassi. E’ iniziato cosi il sesto giorno di navigazione di Ocean Cat. Poi nel pomeriggio il vento è salito consentendo a Tullio e Giammarco di riprendere una rotta regolare per 270° ad una velocità media di 12 nodi. 

Ma ripercorriamo la giornata. Una notte con vento debole ha accompagnato Tullio e Giammarco che hanno cercato comunque di fare andare la barca al massimo. Cinque giorni di navigazione che li ha visti impegnati a cercare velocità a schivare distese di sargassi lungo la rotta hanno sicuramente pesato stamattina intorno alle 4.20 UTC (5.20 italiane), quando Ocean Cat ha scuffiato (si è ribaltata) a circa 1300 miglia dall’arrivo. Il sistema di raddrizzamento, più volte provato nei nostri mari, ha funzionato perfettamente anche in Oceano aperto. Una volta verificato che non ci fossero danni, Tullio e Giammarco hanno ripreso la loro rotta. Nel pomeriggio il vento ha rinforzato. Ocean Cat è riuscito ad intercettarlo e ora sta spingendo per raggiungere sempre una velocità media intorno ai 12/13 nodi. Secondo le stime del routier ci sono ancora possibilità per raggiungere Guadeloupe entro gli 11 giorni 1 ora 9 minuti e 30 secondi: Tullio e Giammarco hanno intenzione di battere davvero quel record! Seguiteli su www.oceancat.it